Quando il nostro laboratorio parla d’Arte: La Femme.

L’abilità artigianale e la maestria del laboratorio Zanetto nel plasmare i metalli nobili lasciano aperti i confini della creatività consentendo di osare, nella piena libertà espressiva. È così che nasce l’ambizioso “segmento collaterale” Zanetto Arte, uno spazio espressivo che non rinnega il carattere artistico di tutta la produzione ma intende sottolineare una maggiore contiguità con le Arti Maggiori, le classiche arti figurative e plastiche.

Zanetto Arte è una sezione libera, non vincolata da alcuna predefinita cadenza temporale per quanto riguarda l’arco di vita e l’introduzione di nuovi artefatti. Una strada che segue l’umile intento di portare nuova bellezza, così centrale nel made in Italy, in un mondo che ne ha davvero bisogno.

In questo post vi presento l’opera con cui è nata Zanetto Arte: la scultura “La Femme”, opera selezionata per il premio internazionale Biennale d’Arte di Asolo 2014.
Questa scultura rappresenta la summa, il vertice delle nostre capacità tecniche e abilità manuali, maturate e sviluppate in 50 anni ma sintetizza anche un ‘manifesto di programma’, il senso e gli scopi con cui intende muoversi la nostra.
Esprime il principio della femminilità, potenza che pervade il mondo che arriva, ed è intrisa di significati, da rivelare piano piano al contemplatore che si ponga in relazione con essa. L’idea più manifesta risiede nel busto, che ho voluto ‘aprire’, spingendo verso l’alto la parte anteriore, quasi a volerne svelare l’intimo segreto, materializzando, nel contempo, il simbolo universale del femminile, la coppa.
Questa è percorsa da una ‘vena’, flusso d’energia, la cui cavità simboleggia l’organo femminile e la più nascosta ed intima essenza, che ci resta inconoscibile.
Il canale energetico prosegue nel dorso, parte non meno intrigante, che, tra i giochi dettati dalla specularità della superficie concava, mostra 12 piccole sfere, simbolo dell’assoluto che unisce materia e spirito. Sono presenti riferimenti ai 7 chakra, con risalto attribuito al vortice del cuore, vero cuore del principio femminile.
Realizzata in metallo dorato, con parti argentate, in rame e smalto, protetta da vernice, sarà tirata in 12 esemplari, ognuno in realtà unico, grazie all’esecuzione totalmente manuale. Montata su un particolare perno, gira completamente su stessa, assoggettandosi all’interazione e ai giochi del suo fruitore.

Enrico Zanetto

Per saperne di più, clicca qui.

Lascia un commento

Post correlati

L’importanza del lavoro artigianale

L’azione purifica la mente e la predispone alla conoscenza spirituale.  Baba Il sistema economico fondato sulla crescita della produzione e del consumo di merci ha bisogno di individui che non sappiano fare niente. Deve fare in modo che si perdano le conoscenze che hanno consentito per millenni agli esseri umani di autoprodurre molti beni essenziali alla loro sopravvivenza. Affinché questa perdita non sia percepita come un impoverimento culturale occorre che il saper fare sia disinserito dall’ambito del sapere e considerato una forma…